HYPE JAZZ: il pianista Danilo Memoli nella sua performance in solo fa rivivere la migliore song Statunitense e riaccende il fuoco dei mostri sacri della tastiera, da Ellington a Monk

INGRESSO LIBERO

Il Club Kristalia non va in vacanza, ma anzi arricchisce il suo cartellone di eventi con un live esclusivo, che punta a soddisfare i palati più esigenti del jazz contemporaneo. L’appuntamento è fissato per martedì 25 luglio alle ore 21 e il nome che approderà sul palco del Club è quello di assoluta eccezione del pianista Danilo Memoli. Si tratta di una performance in solo da parte dell’artista napoletano con un repertorio di evergreen della canzone americana declinati in chiave jazzistica (da Gershwin a Porter, da Berlin a Kern), che non tralascia le incursioni nelle composizioni jazz dei mostri sacri, come Duke Ellington, Billy Strayhorn, Charlie Parker, Thelonious Monk.

 

La biografia di Memoli è decisamente superlativa. Oltre a dirigere il proprio trio, suona per un decennio nel quartetto del sassofonista newyorkese Steve Grossman. Collabora con Carlo Atti, Roberto Rossi, Marco Tamburini, Robert Bonisolo, Pietro Tonolo, Fabrizio Bosso, Sandro Gibellini, Piero Odorici, Fabio Morgera e molti altri del panorama jazz nazionale ed internazionale. Pubblica dischi a proprio nome (“JAZZ” e “FELIEC”) oltre che come sideman. Compie numerosi tour con gli americani John Mosca, Dave Schnitter, Vincent Herring, Lew Tabackin, Jesse Davis, Tom Kirkpatrick, Bob Sands, Kurt Weiss. Nel 2007 fonda il gruppo Newropean Quartet con cui pubblica “AMAPOLA” e nel 2010 “TIME ON MY HANDS”
con la partecipazione di Steve Grossman. Nel 2011 registra “EARLY AUTUMN” con ospite la cantante statunitense Ruth Young, partner di vita e di musica del grande Chet Baker negli anni ’70. Il più recente album è del 2013 con il titolo “ALL MY TOMORROWS”. Negli ultimi anni suona spesso con il Newropean Quartet in Italia, Austria, Polonia, Germania.

 

maxresdefault-1